domenica 25 aprile 2021

Alcune attività produttive nel territorio del Nerone da metà 800 a metà 900

  In questa nota di Paolo Faraoni, tratta dal suo libro "SECCHIANO NEL CUORE" si racconta di quelle forme di economia minore che hanno caratterizzato le vallate appenniniche nel secolo compreso fra la metà dell'ottocento e la metà del novecento, quando poi il progresso tecnologico ha determinato un cambiamento radicale anche delle società rurali. 
  Si trattava di attività legate al taglio della legna, all'estrazione di pietre da macina e da costruzione, alla produzione della calce, all'attività molitoria, attività molto faticose e non sempre adeguatamente remunerate, ma che hanno consentito ai nostri nonni e bisnonni il sostentamento delle  loro famiglie e di vivere con grande dignità. Memorie importanti che devono essere accuratamente conservate.

Vai all'articolo: Alcune attività produttive nel territorio del Nerone da metà 800 a metà 900



venerdì 2 aprile 2021

La Torre di Montebello

       I decenni centrali del XII secolo furono quelli durante i quali lo scontro tra gli abati dell’abbazia di San Pietro di Massa e l’autorità comunale di Cagli fu più serrato e violento.

   Durante uno di questi scontri Cagli decise di “guastare” alcuni castelli e fortificazioni della vallata con l’intento di porre fine al potere degli abati e alle scorrerie che ne conseguivano.

   Tra i castelli distrutti c'era anche la Torre di Montebello. Nel 1299 gli “uomini di Massa di Monte Nerone”, chiesero di riedificare la fortificazione di Montebello, per “haver un luogo sicuro da ritirarsi per salvezza delle persone in ogni occorrenza di guerra” e per difendersi dalle incursioni che provenivano dal territorio di Città di Castello.

   I resti di quella fortificazione esistono ancora oggi e nell’articolo trovate la storia e le immagini.


Vai all'articolo: La Torre di Montebello


venerdì 12 marzo 2021

Monte Nerone. Esegesi di un orononimo.

   Il caso ha voluto che pochi giorni dopo l’uscita del libro “Storie intorno al Nerone”, nel quale il primo capitolo riprende e amplia l’articolo già apparso in questo blog sull’origine del nome di Monte Nerone, il prof. Francesco Vittorio Lombardi, autorevole storico, a lungo Presidente della Società di Studi Storici per il Montefeltro e autore di numerosissime pubblicazioni, ci facesse avere il lavoro che pubblichiamo oggi sullo stesso argomento.

   Come scrive lo stesso Prof. Lombardi in premessa alla sua ricerca, egli ha voluto raccogliere l’auspicio degli autori a confrontarsi su questo tema, con l’intento di allargare, per quanto possibile, le conoscenze sulle origini toponomastiche di quest’importante montagna dell’Appennino umbro-marchigiano.

   L’analisi e la ricerca effettuata dal prof. Lombardi non solo è interessantissima, ma aggiunge nuovi elementi di valutazione che consolidano, in un certo senso, le acquisizioni sin qui fatte, frutto del contributo di idee e di passione di molti ricercatori.

   Rivolgiamo un sentito ringraziamento al prof. Francesco Vittorio Lombardi, che ci ha onorato della sua preziosa collaborazione per sviluppare uno dei temi più seguiti proposti nel nostro blog.


Vai all'articolo: Monte Nerone. Esegesi di un orononimo.




venerdì 19 febbraio 2021

Alla ricerca di tracce di antichi ghiacciai nei rilievi minori dell'Appennino umbro-marchigiano

In questo articolo dell'ing. Daniele Ionna viene fatta un'interessante e sintetica disamina sull'ipotesi della presenza di ghiacciai risalenti alle più recenti glaciazioni pleistoceniche nei rilievi dell'Appennino umbro-marchigiano. Un'altra ottica per guardare ai nostri monti e alle nostre magnifiche valli, per aiutarci a capire il modo come sono nate e perché hanno la forma che vediamo oggi.

Vai all'articolo: Alla ricerca di tracce di antichi ghiacciai nei rilievi minori dell'Appennino umbro-marchigiano




venerdì 5 febbraio 2021

Biologia ed ecologia dei funghi: riproduzione, parassitismo, saprofitismo, simbiosi, valore alimentare e tossicologia.

Anche se non è periodo di funghi, leggendo questo articolo di Massimo Vantaggi, gli appassionati possono rispolverare e approfondire le proprie conoscenze, usufruendo anche dei disegni molto belli realizzati dall’autore. L’articolo è corredato da alcune tabelle, chiare e sintetiche, sulle tipologie di funghi che crescono nei boschi e nei prati della zona di Pianello e dintorni, nonché sulle loro principali caratteristiche, anche tossicologiche. Il consiglio, come sempre, è di prestare grande attenzione, affidandosi agli esperti. Mai improvvisare, potrebbe essere pericoloso! 

Vai all'articolo: Biologia ed ecologia dei funghi.



lunedì 25 gennaio 2021

Storie intorno al Nerone



di Gabriele Presciutti, Maurizio Presciutti e Giuseppe Dromedari






 

Pubblicato il libro, "Storie intorno al Nerone" di Gabriele Presciutti, Maurizio Presciutti e Giuseppe Dromedari. Il volume, il quarto degli autori, raccoglie alcune ricerche già apparse in questo blog, oltre ad altre finora inedite.

Ogni capitolo affronta un argomento a sé stante, senza il rispetto di una sequenza temporale o territoriale, ma tutte le ricerche sono focalizzate su luoghi e persone che hanno caratterizzato la vita e il paesaggio alle pendici di Monte Nerone, una delle vette più importanti e significative dell’Appennino centrale umbro-marchigiano.
Si è cercato di raccontare le vicende di queste piccole comunità rurali appenniniche, le loro tradizioni, i miti religiosi antichi e moderni, le paure, gli amori, gli odi, le violenze, le fatiche, le tribolazioni e la socialità, cercando sempre di avere uno sguardo dal basso, ricorrendo ai documenti dove il volto dei nostri avi appariva in modo più evidente e veritiero.
I testi delle oltre 200 pagine del libro, sono corredati da un corposo apparato iconografico di circa 180 immagini, formato da fotografie, mappe, elaborazioni grafiche e documenti, per rendere la lettura di ogni capitolo chiara e immersiva, stimolando altresì nei lettori nuove curiosità e nuovi dubbi.
Disponibile per l'acquisto presso la Tabaccheria Santini Eros a Cagli, oppure presso tutti gli stores online (Amazon, IBS, Mondadori, Feltrinelli, Youcanprint etc.). Per qualsiasi esigenza possono essere contattati gli autori in privato via FB.



domenica 1 dicembre 2019

Le grotte e l'uomo. Frasassi e Monte Nerone.

Le grotte, lo sappiamo, esercitano su di noi un fascino particolare. Tutti ne siamo coinvolti: alcuni ne hanno paura ma vorrebbero visitarle, altri le amano in modo viscerale, nessuno resta indifferente.

In questo bellissimo articolo, l’archeologa Gaia Pignocchi ci racconta l’importanza che le grotte hanno avuto per i nostri antichi progenitori. Luoghi che hanno rivestito un fondamentale ruolo fin dal Paleolitico superiore e non solo come luoghi abitativi, ma anche e soprattutto come luoghi di culto e funerari.

Attraverso i ritrovamenti archeologici avvenuti nella Gola di Frasassi e nella Grotta delle Nottole a Fondarca, l’autrice, che ringraziamo infinitamente per questo generoso regalo a Ver Sacrum ed ai suoi lettori, ci illustra in modo chiaro e dettagliato significati, ipotesi e interpretazioni di tali usi.

In calce all’articolo trovate anche un breve filmato con alcuni momenti del pomeriggio (12 ottobre 2019) trascorso a Fondarca con il Prof. G.M. di Nocera, evento organizzato dall’Archeoclub di Cagli guidato dal suo Presidente Marco Reali.   

Vai all'articolo di Gaia Pignocchi: Le grotte e l'uomo. Frasassi e Monte Nerone.



domenica 24 novembre 2019

Mineralizzazioni: ricerche e località fra Catria, Nerone e Gola del Furlo.

E’ con vero piacere che pubblichiamo l’articolo di un nuovo collaboratore del nostro blog, l’Ing. Daniele Ionna, che ci parla di minerali che caratterizzano il territorio compreso fra Catria, Nerone e Gola del Furlo. 
In passato lo sfruttamento di tali minerali ha rappresentato anche un un’opportunità economica, più o meno praticabile, per questi territori.
Buona lettura!

Vai  all'articolo: Mineralizzazioni: ricerche e località fra Catria, Nerone e Gola del Furlo



sabato 16 novembre 2019

I nuovi sentieri intorno a Secchiano

La riscoperta degli antichi sentieri che solcavano le nostre vallate e delle storie a questi legati, è uno dei punti fondamentali sui quali fare leva per salvaguardare e promuovere la conoscenza del nostro territorio. 
In questo articolo Paolo Faraoni ci offre in anteprima uno dei capitoli del suo libro in corso di pubblicazione “Secchiano nel cuore”, nel quale recupera storie, vecchie foto, personaggi e tanto altro del paese di Secchiano e dei suoi dintorni.

Vai all'articolo: I nuovi sentieri intorno a Secchiano




sabato 26 ottobre 2019

Comune di Cagli, anno 1912. Analisi anagrafiche e sociologiche.

Da un trafiletto apparso su una rivista quindicinale pubblicata a Cagli agli inizi del ‘900, “Il Popolo Cagliese”, Paolo Faraoni ha ricavato i dati per una piccola, ma molto interessante, analisi demografica e sociologica che ci restituisce uno spaccato della composizione della società dell’epoca. 

Vai all'articolo: Comune di Cagli, anno 1912. Analisi anagrafiche e sociologiche



domenica 20 ottobre 2019

Fatti e misfatti intorno all'albero della nebbia nel '600.

In questi giorni di mite autunno, si tinge di un rosso fiammante e di tutte le gradazioni di colore che vanno dal giallo all’arancio e allora ci accorgiamo della sua presenza e lo osserviamo ammirati. Stiamo parlando dello scòtano (Cotinus coggygria) noto anche come “albero delle nebbie”. Pochi conoscono, però, l’importanza che questo arbusto ha avuto nei secoli passati per l’economia delle nostre valli appenniniche. Leggendo questo articolo potrete farvene un’idea!


Vai all'articolo: Fatti e misfatti intorno all'albero della nebbia nel '600



sabato 5 ottobre 2019

Anno1873. Le prime classi elementari di Secchiano.

La possibilità di andare a scuola e imparare a leggere e scrivere è per noi un fatto scontato, ma non lo era per i nostri nonni che risiedevano nei paesi, come ci racconta in questo articolo Paolo Faraoni.


Vai all'articolo: Anno1873. Le prime classi elementari di Secchiano.



lunedì 23 settembre 2019

Monsignor Don Vincenzo Faraoni (Secchiano 26.10.19 - Cagli 18.03.1974)

Paolo Faraoni, assiduo collaboratore del blog Ver Sacrum, dedica un appassionato ricordo allo zio Monsignor Don Vincenzo Faraoni, importante figura di prete intellettuale, professore e scrittore e portatore di un calore umano non comune.

Vai all'articolo: Monsignor Don Vincenzo Faraoni 


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...