domenica 20 maggio 2018

Le radici del Monte Catria storie di fiori piante e uomini di Franco Barbadoro

E’ di recentissima pubblicazione il libro di Franco Barbadoro intitolato “Le radici del Monte Catria storie di fiori piante e uomini”. Un lavoro veramente bello, che è una godibile miniera di notizie, storie, curiosità e suggestioni, che non può mancare nella biblioteca di coloro che amano questi territori e ne vogliono conoscere le radici più profonde.

Vai alla recensione di: Le radici del Monte Catria storie di fiori piante e uomini di Franco Barbadoro





sabato 12 maggio 2018

Lo scavo nell'atrio del Palazzo Comunale di Cagli. La necropoli altomedievale.

Il nuovo contributo dell’archeologa Agata Aguzzi e della professoressa dell’Università di Urbino Anna Lia Ermeti, che ringraziamo per l’autorizzazione alla pubblicazione, ci anticipa in modo sintetico il risultato degli scavi effettuati qualche anno fa nell’atrio del palazzo comunale di Cagli. Questi hanno rivelato la presenza di una necropoli altomedievale di grande interesse, probabilmente risalente alla metà del VII secolo. Un’altra tessera che si aggiunge al grande mosaico della storia di questi luoghi!

Vai all'articolo: Lo scavo nell'atrio del Palazzo Comunale di Cagli. La necropoli altomedievale.



venerdì 4 maggio 2018

Il fossile enigmatico di Secchiano (Pu)

In questo nuovo articolo Paolo Faraoni ci stupisce parlandoci del Paleodictyon nodosum, un fossile strano e “misterioso” rinvenuto nei pressi di Fosto (Pu). Molti sono gli studiosi che hanno cercato di capire l’origine di questo fossile, ma senza risultati certi e, forse, ci racconta ancora l’autore, qualcosa di simile all’animale artefice di questa struttura fossilizzata, vive ancora nei fondali dell’oceano Atlantico.
In fin dei conti, non possiamo escludere di trovarci di fronte a un “fossile vivente”!     

Vai all'articolo: Il fossile enigmatico di Secchiano



sabato 21 aprile 2018

Il sepolcreto di Pigno (Cagli -Pu)

Siamo veramente orgogliosi di poter ospitare nel blog un contributo dell’archeologa Agata Aguzzi e della professoressa Anna Lia Ermeti dell’Università di Urbino con il quale ci danno una sintetica anticipazione di quanto è emerso negli scavi del sepolcreto rinvenuto a Pigno, una frazione del Comune di Cagli, qualche anno fa, in attesa di poter leggere lo studio nella sua interezza quando prossimamente verrà pubblicato.

Un sincero ringraziamento da parte dei curatori del blog per l’autorizzazione alla pubblicazione concessa dalle autrici.


Vai all'articolo: Il sepolcreto di Pigno (Cagli -Pu)



domenica 18 marzo 2018

Don Ubaldo Bartoccioni (1882-1970), ultimo parroco di San Vitale (Cagli), prete modernista in esilio.

L’incredibile storia, fino ad oggi sconosciuta, di Don Ubaldo Bartoccioni, “esiliato” nella piccola parrocchia di San Vitale per le sue idee “moderniste”. Grazie alla curiosità ed alle ricerche fatte con grande passione da Paolo Faraoni, abbiamo ora la possibilità di riscoprire ed apprezzare il pensiero, estremamente moderno, di questo prete, morto tragicamente nel 1970 durante una rapina finita male.
Come scrive Paolo Faraoni nella mail con la quale ci ha inviato la sua ricerca: “Basta un solo lettore che avrà il desiderio di conoscere un po’ di più di questo prete e andrà già bene”.
Noi ci auguriamo, e siamo sicuri, che i lettori saranno molti!



Vai all'articolo: Don Ubaldo Bartoccioni (1882-1970), ultimo parroco di San Vitale (Cagli), prete modernista in esilio.



sabato 27 gennaio 2018

ISATIS Una storia di libertà

  I lettori appassionati di romanzi storici da qualche giorno hanno la possibilità di leggerne uno fresco fresco di stampa, “ISATIS Una storia di libertà” scritto da Gabriele Presciutti il quale, dopo tre libri di storia locale pubblicati insieme con Giuseppe Dromedari e Maurizio Presciutti, si è cimentato con la narrativa. Questo romanzo, però, nel mare della fiction storica, ha una particolarità unica che è quella di essere interamente ambientato nelle valli del Monte Nerone, tra l’abbazia benedettina di San Pietro in Massa, Callis (Cagli), il castello di Naro e Pratalonga (Pietralunga). 
  Abbiamo così la possibilità di tuffarci in una appassionante storia che ha inizio nel novembre 1286 e che segnerà in modo indelebile le vite dei protagonisti.
   Buona lettura!

Vai alla recensione di: ISATIS Una storia di libertà


domenica 14 gennaio 2018

Secchiano, autunno 1943: il destino di Charlotte

Questa nota di Paolo Faraoni ci ricorda il gesto di grande generosità avvenuto a Secchiano nell’autunno del 1943, quando la famiglia di Virgili Virgilio, incurante dei pericoli, nascose e aiutò la famiglia di Charlotte Fullembaum, profughi polacchi di origine ebrea, salvandola da un tragico destino.


Vai all'articolo: Secchiano, autunno 1943: il destino di Charlotte



venerdì 8 dicembre 2017

Malidittu chillu filu - L'arresto del brigante Musolino a Farneta di Acqulagna (Pu)

  La storia della cattura a Farneta di Acqualagna, nell’ottobre del 1901, di uno dei più famosi “briganti” della storia post-unitaria italiana. 
 Un “caso mediatico” che appassionò l’opinione pubblica del tempo, nazionale e internazionale, e che ebbe un epilogo del tutto casuale nei pressi di Acqualagna, riscoperto di recente grazie al ritrovamento dei diari di Musolino negli archivi dell’ospedale psichiatrico di Reggio Calabria. 


Vai all'articolo: Malidittu chillu filu - L'arresto del brigante Musolino a Farneta di Acqualagna (Pu)



sabato 21 ottobre 2017

Nuovi dati biostratigrafici sul Domeriano nella cava di Sant'Anna e nella cava Grilli (Passo del Furlo - Appennino Marchigiano)

E’ con vero piacere che pubblichiamo l’accurato lavoro di un nuovo giovane collaboratore di “Ver Sacrum”, Regis Macieri, diciassettenne di Montemaggiore al Metauro che frequenta la 4° liceo a Fano.
Regis ha messo a frutto la sua “passione”, realizzando, con la guida e collaborazione dell’esperto Paolo Faraoni, uno studio ricco e accurato sui dati biostratigrafici del Passo del Furlo.
Un’iniziativa che merita da parte di tutti noi grande apprezzamento e incoraggiamento!  



Vai all'articolo: Nuovi dati biostratigrafici sul Domeriano nella cava di Sant'Anna e nella cava Grilli (Passo del Furlo - Appennino Marchigiano)


venerdì 6 ottobre 2017

Alla ricerca dei toponimi di Secchiano e dintorni

Un breve viaggio in tempi e luoghi di cui è persa la memoria, questo è la nota di Paolo Faraoni, come lui stesso afferma nel sottotitolo. Un lavoro prezioso di catalogazione e di georeferenziazione dei molti toponimi della zona di Secchiano, luoghi ai quali sono associate storie e ricordi di persone che è giusto conservare, impedendo che svaniscano nelle nebbie del passato. 


Vai all'articolo: Alla ricerca dei toponimi di Secchiano e dintorni



sabato 30 settembre 2017

Scalocchio, un antico "tempio umbro-etrusco"?

    Con questo nuovo articolo Ferdinando de Rosa e Floriana Bartolucci ci conducono alla scoperta dell’antica abbazia benedettina di S. Benedetto di Scalocchio e formulano suggestive ipotesi sulle origini più remote di questo luogo cultuale, l’antico “Cale Locus” (luogo di Cale), il centro dell’area sacra dedicata a Cale.

    Buona lettura!


Vai all'articolo: Scalocchio, un antico "tempio umbro-etrusco"?



sabato 9 settembre 2017

Don Mariano Mariotti parroco di Secchiano, naturalista, geologo e paleontologo

Paolo Faraoni con questa nota ripercorre la biografia e i meriti nel campo delle scienze geologiche e paleontologiche di Don Mariano Mariotti, che fu parroco di Secchiano dal 1868 fino alla morte avvenuta il 21 febbraio 1876 all’età di 63 anni.
Don Mariotti intrattenne rapporti diretti con i maggiori paleontologi del tempo, italiani e stranieri, che si avvalsero della sua collaborazione e competenza per portare avanti i loro studi sull’Appennino.
Grazie agli studi e all’iniziativa dello scorso agosto voluta da Paolo Faraoni, abbiamo la possibilità di riscoprire e ammirare una figura, quella di Don Mariotti, veramente singolare e importante per la storia geologica del nostro territorio.   
  

Vai all'articolo Don Mariano Mariotti parroco di Secchiano, naturalista, geologo e paleontologo:



domenica 9 luglio 2017

La "chiocana" e un quesito: quando fu costruito il Palazzo Ubaldini di Apecchio ?

Le accurate ricerche d’archivio del Prof. Stefano Lancioni ci svelano, ancora una volta, notizie inedite e curiose. Questa volta un atto redatto nel 1531 dal notaio vadese Giovanni Antonio Clavari rivela la presenza ad Apecchio di una “chiocana”, nel luogo dove ora sorge il portico di Palazzo Ubaldini. 
Scoprite di cosa si tratta leggendo l’articolo!


Vai all'articolo: La "chiocana" e un quesito: quando fu costruito il Palazzo Ubaldini di Apecchio?



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...