sabato 5 marzo 2022

PIANELLO OUTDOOR Il volto segreto del Monte Nerone

 



Magnoni Manlio e Magnoni Michele, padre e figlio, hanno riversato nella guida “PIANELLO OUTDOOR – Il volto segreto del Monte Nerone”, tutta la loro passione di speleologhi e di esperti escursionisti, nonché la profonda conoscenza che hanno di questi luoghi, frequentati ed esplorati anche nei recessi più irraggiungibili e nascosti sin da quando erano adolescenti. Sfogliando le pagine di questo prezioso lavoro si ha veramente l’impressione che questa grande montagna appenninica, da sempre punto di riferimento per le popolazioni che hanno abitato e abitano queste vallate, alzi il velo sui suoi angoli più belli e spettacolari del versante sud e ci inviti a visitarli per apprezzarne tutta la loro splendida unicità.

Gli Autori

Gli autori hanno elaborato ben 16 itinerari, 11 dei quali riservati al trekking, 2 al ciclismo, 2 al climbing ed 1 al canyoning, nei quali non solo viene messa in risalto la bellezza e particolarità dei luoghi visitati, ma un occhio particolare è riservato sempre anche alla storia millenaria che questi luoghi hanno visto scorrere intorno a loro e che ancora oggi ci raccontano, nonché alla cultura enogastronomica tipica locale. Quello che gli autori intendono proporre non è "solo" una escursione, per quanto bella, ma una vera e propria "esperienza", più completa e coinvolgente di una semplice escursione.

Gli itinerari proposti nella guida

Il punto di partenza ideale per affrontare gli itinerari proposti nella guida, adatti a soddisfare le esigenze di qualsiasi escursionista, dal più esperto ed esigente fino alla famiglia con bambini al seguito, è Pianello di Cagli (Pu), che si trova in una situazione strategica ottimale ai piedi di Monte Nerone.

La guida ha un ulteriore grande pregio, infatti è perfettamente integrata con il portale myoutdoor.it, realizzato da Michele Magnoni, nel quale, oltre ad una infinita serie di escursioni nei luoghi più svariati, vengono messe a disposizione le tracce GPX e i Virtual tour degli itinerari di cui si parla nella guida, mettendo così tutti quanti in condizione di affrontare in sicurezza i percorsi proposti, visualizzandone in anteprima bellezza e difficoltà. Insomma non vi resta che procurarvi la guida e preparare i vostri scarponi e le vostre biciclette per affrontare escursioni che, ne siamo certi, vi resteranno nel cuore! 

Una schermata del portale myoutdoor.it realizzato da Michele Magnoni

La guida è acquistabile in offerta lancio al seguente link:

https://myoutdoor.it/libri-guide-gpx/#AcquistaPianelloOutdoor

Oppure su Amazon al seguente link:

https://www.amazon.it/Pianello-Outdoor-itinerari-selvaggi-suggestivi/dp/B09SJ462XY/ref=sr_1_1?keywords=magnoni+michele&qid=1646471906&s=books&sprefix=michele+magnoni%2Cstripbooks%2C171&sr=1-1

o ancora presso il Bar ANGELI SABRINA di Secchiano di Cagli.  


domenica 6 febbraio 2022

La straordinaria vita di Federico da Montefeltro in un fumetto: "FE DUX"





 

Proprio quest’anno ricorrono sei secoli dalla nascita di Federico da Montefeltro e quindi non ci sembra possa esserci modo migliore per ricordare questo evento, così importante per la storia dei nostri territori, che quello di ripercorrerne la vita romanzesca e affascinante del Duca affidandoci alla narrazione per immagini che ha realizzato Francesco Ambrogiani, al suo fumetto. L’opera di Ambrogiani, di grande fascino e assolutamente precisa e documentata nella ricostruzione storica, fu pubblicata per la prima volta da Giuseppe Dromedari nel 2006, con grande successo. Negli ultimi anni, però, Dromedari ha voluto fare ancora di più; con un enorme lavoro di grafica computerizzata, ha ripreso in mano tutte le tavole realizzate da Ambrogiani e le ha arricchite con il colore, riuscendo a dare ad un fumetto già molto bello, una seconda vita, ancora più attrattiva e stimolante, specie per i giovani lettori che volessero accostarsi alla conoscenza delle gesta di questa straordinaria figura che fu Federico da Montefeltro.


Dromedari, però, non si è accontentato nemmeno di questo, infatti dal fumetto ha poi un realizzato un bellissimo cartone animato, nel quale alle figure del fumetto sono state quasi “magicamente” donate anche le voci, i pensieri, i rumori della battaglia e della festa, la musica e, soprattutto, il movimento. Il cartone animato, presto sarà presentato al grande pubblico ed andrà a completare, questa serie di media, cresciuti dalle tavole disegnate da Francesco Ambrogiani, che possono coinvolgerci con esperienze conoscitive diverse, a vari livelli, rivolti sia allo studioso appassionato di storia, che al profano e al giovane studente che si avvicinano alla storia di Federico da Montefeltro per la prima volta. In esclusiva per i lettori di Ver Sacrum il trailer del cartone animato.


Il fumetto si compone di 220 pagine di grande formato, dove ogni scena, ogni tavola, arricchita dalla forza e dall’espressività dei colori, ci meraviglia e ci invita a soffermarci sui paesaggi, sulle fortificazioni, sulle scene di battaglia, sulle espressioni dei personaggi, sull’abbigliamento e sugli arredi. Insomma ci possiamo dedicare ad una lettura veramente immersiva e gratificante, da tutti i punti di vista. Un'opera unica nel suo genere, che gli appassionati non possono lasciarsi sfuggire!

Il libro è acquistabile presso i seguenti punti vendita:

- Photo Video Camel c/o Ipercoop Galleria Miralfiore – Pesaro

- Tabaccheria Santini Eros a Cagli

- Montefeltro Libri Urbino

- Museo dei Bronzi Dorati di Pegola

- Museo Archeologico “A. Vernarecci” Fossombrone

- Museo Rocca Roveresca di Mondavio

Oppure può essere acquistato in internet presso tutti i principali stores online (Amazon, Mondadori, IBS, etc.) ai seguenti link:

Amazon

IBS

MONDADORI

La Feltrinelli

Youcanprint    



martedì 1 giugno 2021

Ricordi di un'agricoltura di altri tempi: le medagliette devozionali rinvenute nei dintorni di Cantiano

Grazie a questa interessante e curiosa ricerca scritta a quattro mani da Paolo Faraoni e Fiorenzo Bei, abbiamo l’opportunità di scoprire la collezione di medagliette votive ritrovate da Fiorenzo nei campi intorno a Cantiano. 

Queste piccole medaglie, con una grande varietà iconografica, rimandano ad antichi culti legati ai pellegrinaggi e alla coltivazione dei campi per la cui buona riuscita ci si raccomandava al Santo nel quale si nutriva più fiducia e/o alla Madonna stessa. 

Riti propiziatori arcaici, intrisi di devozione e superstizione che ci riportano a un’epoca ormai definitivamente cancellata e che può rivivere solo grazie alle ricerche degli appassionati e degli storici. 

Un sentito ringraziamento a Fiorenzo Bei per averci offerto quest’opportunità!  


Vai all'articolo: Ricordi di un'agricoltura di altri tempi: le medagliette devozionali rinvenute nei dintorni di Cantiano



domenica 25 aprile 2021

Alcune attività produttive nel territorio del Nerone da metà 800 a metà 900

  In questa nota di Paolo Faraoni, tratta dal suo libro "SECCHIANO NEL CUORE" si racconta di quelle forme di economia minore che hanno caratterizzato le vallate appenniniche nel secolo compreso fra la metà dell'ottocento e la metà del novecento, quando poi il progresso tecnologico ha determinato un cambiamento radicale anche delle società rurali. 
  Si trattava di attività legate al taglio della legna, all'estrazione di pietre da macina e da costruzione, alla produzione della calce, all'attività molitoria, attività molto faticose e non sempre adeguatamente remunerate, ma che hanno consentito ai nostri nonni e bisnonni il sostentamento delle  loro famiglie e di vivere con grande dignità. Memorie importanti che devono essere accuratamente conservate.

Vai all'articolo: Alcune attività produttive nel territorio del Nerone da metà 800 a metà 900



venerdì 2 aprile 2021

La Torre di Montebello

       I decenni centrali del XII secolo furono quelli durante i quali lo scontro tra gli abati dell’abbazia di San Pietro di Massa e l’autorità comunale di Cagli fu più serrato e violento.

   Durante uno di questi scontri Cagli decise di “guastare” alcuni castelli e fortificazioni della vallata con l’intento di porre fine al potere degli abati e alle scorrerie che ne conseguivano.

   Tra i castelli distrutti c'era anche la Torre di Montebello. Nel 1299 gli “uomini di Massa di Monte Nerone”, chiesero di riedificare la fortificazione di Montebello, per “haver un luogo sicuro da ritirarsi per salvezza delle persone in ogni occorrenza di guerra” e per difendersi dalle incursioni che provenivano dal territorio di Città di Castello.

   I resti di quella fortificazione esistono ancora oggi e nell’articolo trovate la storia e le immagini.


Vai all'articolo: La Torre di Montebello


venerdì 12 marzo 2021

Monte Nerone. Esegesi di un orononimo.

   Il caso ha voluto che pochi giorni dopo l’uscita del libro “Storie intorno al Nerone”, nel quale il primo capitolo riprende e amplia l’articolo già apparso in questo blog sull’origine del nome di Monte Nerone, il prof. Francesco Vittorio Lombardi, autorevole storico, a lungo Presidente della Società di Studi Storici per il Montefeltro e autore di numerosissime pubblicazioni, ci facesse avere il lavoro che pubblichiamo oggi sullo stesso argomento.

   Come scrive lo stesso Prof. Lombardi in premessa alla sua ricerca, egli ha voluto raccogliere l’auspicio degli autori a confrontarsi su questo tema, con l’intento di allargare, per quanto possibile, le conoscenze sulle origini toponomastiche di quest’importante montagna dell’Appennino umbro-marchigiano.

   L’analisi e la ricerca effettuata dal prof. Lombardi non solo è interessantissima, ma aggiunge nuovi elementi di valutazione che consolidano, in un certo senso, le acquisizioni sin qui fatte, frutto del contributo di idee e di passione di molti ricercatori.

   Rivolgiamo un sentito ringraziamento al prof. Francesco Vittorio Lombardi, che ci ha onorato della sua preziosa collaborazione per sviluppare uno dei temi più seguiti proposti nel nostro blog.


Vai all'articolo: Monte Nerone. Esegesi di un orononimo.




venerdì 19 febbraio 2021

Alla ricerca di tracce di antichi ghiacciai nei rilievi minori dell'Appennino umbro-marchigiano

In questo articolo dell'ing. Daniele Ionna viene fatta un'interessante e sintetica disamina sull'ipotesi della presenza di ghiacciai risalenti alle più recenti glaciazioni pleistoceniche nei rilievi dell'Appennino umbro-marchigiano. Un'altra ottica per guardare ai nostri monti e alle nostre magnifiche valli, per aiutarci a capire il modo come sono nate e perché hanno la forma che vediamo oggi.

Vai all'articolo: Alla ricerca di tracce di antichi ghiacciai nei rilievi minori dell'Appennino umbro-marchigiano




venerdì 5 febbraio 2021

Biologia ed ecologia dei funghi: riproduzione, parassitismo, saprofitismo, simbiosi, valore alimentare e tossicologia.

Anche se non è periodo di funghi, leggendo questo articolo di Massimo Vantaggi, gli appassionati possono rispolverare e approfondire le proprie conoscenze, usufruendo anche dei disegni molto belli realizzati dall’autore. L’articolo è corredato da alcune tabelle, chiare e sintetiche, sulle tipologie di funghi che crescono nei boschi e nei prati della zona di Pianello e dintorni, nonché sulle loro principali caratteristiche, anche tossicologiche. Il consiglio, come sempre, è di prestare grande attenzione, affidandosi agli esperti. Mai improvvisare, potrebbe essere pericoloso! 

Vai all'articolo: Biologia ed ecologia dei funghi.



lunedì 25 gennaio 2021

Storie intorno al Nerone



di Gabriele Presciutti, Maurizio Presciutti e Giuseppe Dromedari






 

Pubblicato il libro, "Storie intorno al Nerone" di Gabriele Presciutti, Maurizio Presciutti e Giuseppe Dromedari. Il volume, il quarto degli autori, raccoglie alcune ricerche già apparse in questo blog, oltre ad altre finora inedite.

Ogni capitolo affronta un argomento a sé stante, senza il rispetto di una sequenza temporale o territoriale, ma tutte le ricerche sono focalizzate su luoghi e persone che hanno caratterizzato la vita e il paesaggio alle pendici di Monte Nerone, una delle vette più importanti e significative dell’Appennino centrale umbro-marchigiano.
Si è cercato di raccontare le vicende di queste piccole comunità rurali appenniniche, le loro tradizioni, i miti religiosi antichi e moderni, le paure, gli amori, gli odi, le violenze, le fatiche, le tribolazioni e la socialità, cercando sempre di avere uno sguardo dal basso, ricorrendo ai documenti dove il volto dei nostri avi appariva in modo più evidente e veritiero.
I testi delle oltre 200 pagine del libro, sono corredati da un corposo apparato iconografico di circa 180 immagini, formato da fotografie, mappe, elaborazioni grafiche e documenti, per rendere la lettura di ogni capitolo chiara e immersiva, stimolando altresì nei lettori nuove curiosità e nuovi dubbi.
Disponibile per l'acquisto presso la Tabaccheria Santini Eros a Cagli, oppure presso tutti gli stores online (Amazon, IBS, Mondadori, Feltrinelli, Youcanprint etc.). Per qualsiasi esigenza possono essere contattati gli autori in privato via FB.



domenica 1 dicembre 2019

Le grotte e l'uomo. Frasassi e Monte Nerone.

Le grotte, lo sappiamo, esercitano su di noi un fascino particolare. Tutti ne siamo coinvolti: alcuni ne hanno paura ma vorrebbero visitarle, altri le amano in modo viscerale, nessuno resta indifferente.

In questo bellissimo articolo, l’archeologa Gaia Pignocchi ci racconta l’importanza che le grotte hanno avuto per i nostri antichi progenitori. Luoghi che hanno rivestito un fondamentale ruolo fin dal Paleolitico superiore e non solo come luoghi abitativi, ma anche e soprattutto come luoghi di culto e funerari.

Attraverso i ritrovamenti archeologici avvenuti nella Gola di Frasassi e nella Grotta delle Nottole a Fondarca, l’autrice, che ringraziamo infinitamente per questo generoso regalo a Ver Sacrum ed ai suoi lettori, ci illustra in modo chiaro e dettagliato significati, ipotesi e interpretazioni di tali usi.

In calce all’articolo trovate anche un breve filmato con alcuni momenti del pomeriggio (12 ottobre 2019) trascorso a Fondarca con il Prof. G.M. di Nocera, evento organizzato dall’Archeoclub di Cagli guidato dal suo Presidente Marco Reali.   

Vai all'articolo di Gaia Pignocchi: Le grotte e l'uomo. Frasassi e Monte Nerone.



domenica 24 novembre 2019

Mineralizzazioni: ricerche e località fra Catria, Nerone e Gola del Furlo.

E’ con vero piacere che pubblichiamo l’articolo di un nuovo collaboratore del nostro blog, l’Ing. Daniele Ionna, che ci parla di minerali che caratterizzano il territorio compreso fra Catria, Nerone e Gola del Furlo. 
In passato lo sfruttamento di tali minerali ha rappresentato anche un un’opportunità economica, più o meno praticabile, per questi territori.
Buona lettura!

Vai  all'articolo: Mineralizzazioni: ricerche e località fra Catria, Nerone e Gola del Furlo



sabato 16 novembre 2019

I nuovi sentieri intorno a Secchiano

La riscoperta degli antichi sentieri che solcavano le nostre vallate e delle storie a questi legati, è uno dei punti fondamentali sui quali fare leva per salvaguardare e promuovere la conoscenza del nostro territorio. 
In questo articolo Paolo Faraoni ci offre in anteprima uno dei capitoli del suo libro in corso di pubblicazione “Secchiano nel cuore”, nel quale recupera storie, vecchie foto, personaggi e tanto altro del paese di Secchiano e dei suoi dintorni.

Vai all'articolo: I nuovi sentieri intorno a Secchiano




sabato 26 ottobre 2019

Comune di Cagli, anno 1912. Analisi anagrafiche e sociologiche.

Da un trafiletto apparso su una rivista quindicinale pubblicata a Cagli agli inizi del ‘900, “Il Popolo Cagliese”, Paolo Faraoni ha ricavato i dati per una piccola, ma molto interessante, analisi demografica e sociologica che ci restituisce uno spaccato della composizione della società dell’epoca. 

Vai all'articolo: Comune di Cagli, anno 1912. Analisi anagrafiche e sociologiche



Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...